Storia dell’Yi Quan

Yi Quan- Boxe dell’intenzione

L’Yi Quan, conosciuto anche come “boxe dell’intenzione”, è una disciplina che sintetizza l’essenza più autentica delle antiche arti marziali cinesi. La traduzione letterale di Yi è: mente, idea, intenzione, volontà, Quan: pugno (arte da combattimento). Una traduzione più aderente all’essenza della disciplina è “La via dell’armonia del corpo e della mente”

L’Yi Quan, è un sistema efficace sia per accrescere e mantenere la propria  salute psicofisica  sia  per l’autodifesa.

L’Yi Quan lavora sull’energia interna, sulla meditazione e sul condizionamento mentale attraverso un sistema di pratiche di Qi Gong.

L’Yi Quan è un sistema relativamente nuovo, sviluppato nel 20 ° secolo ma che ha radici antiche, in particolare nello Xingyiquan (Hsing-i ch’uan) , nello Baguazhang (Pakua Chang), nel  Taijiquan (Tai Chi) e nel Baihequan (Pak Hok Kuen), sistemi interni tradizionali di kung-fu. Anche la boxe occidentale, conosciuta e studiata dal fondatore del sistema, Wang Xiangzhai, ha influenzato l’ Yi Quan.

Il fondatore dell’Yi Quan Wang Xiangzhai (1885-1963) è stato uno dei più grandi maestri di arti marziali cinesi nel 20° secolo.

Wang Xiangzhai ha continuato a sviluppare e migliorare il suo sistema negli anni. Grazie all’incontro con la cultura e la scienza occidentale, i concetti tradizionali delle arti marziali cinesi sono stati reinterpretati e i metodi modificati.

Il metodo di insegnamento dell’Yi Quan, è un metodo rigoroso e trasparente che permette di procedere gradualmente nell’acquisizione dei principi della disciplina, sin dalla prima pratica. Il metodo oggi praticato dalle scuole di Yi Quan,  risponde pienamente alle intenzioni del suo fondatore Wang Xiangzhai, che già all’inizio del 20° aveva compreso la deriva formalista di molti stili tradizionali di Kung Fu. Wang Xiangzhai ha detto: “Tutte le forme e le tecniche causano la degenerazione delle arti marziali”

Le arti marziali cinesi ed orientali, più in generale, con la loro diffusione in occidente, hanno smarrito la loro essenza a favore di una vuota ripetizione di tecniche e forme la cui genuinità ed efficacia si fa risalire ad una presunta fedeltà all’origine ed all’antichità delle fonti. L’Yi Quan invece costruisce un metodo moderno e pragmatico di apprendimento, basato sulla comprensione dei principi più che sulla ripetizione meccanica ed acritica di tecniche e forme, garantendo così al meglio la conservazione e la rigenerazione dell’essenza stessa delle arti marziali.

 

PRINCIPI PER LO STUDIO DELL’YI QUAN

 

L’Yi Quan è un’arte e una scienza basata su fatti provati durante la pratica.

Lo studio dell’ Yi Quan deve essere basato su concetti scientifici, su un programma sistematico di studio e rigorose posture standard, così che gli studenti possono ottenere gradualmente la conoscenza di tutto il sistema, dal semplice al complesso, dal superficiale al profondo. Allo stesso tempo il praticante di Yi Quan deve avere un’ attitudine creativa, apprendendo da diverse fonti e creando nuovi concetti e metodi.

 

 

 

 

 

 

Il percorso di apprendimento dell’Yi Quan comprende sette fasi:

 

  1. ZHAN ZHUANG: Mantenere le posture di attivazione

 

  1. SHI LI: Sentire la forza ed i meccanismi che la producono tramite movimenti lenti.

 

  1. MO CA BU: Esercitare i passi (shi li di gambe).

 

  1. TUI SHOU: lavorare a contatto (sensibilità tattile)

 

  1. FA LI: Emissione della forza esplosiva.

 

  1. SHI SHENG: Esercitarsi con il suono ed il respiro

 

  1. SAN SHOU: Prepararsi alla difesa personale ed al combattimento.

 

Commenti chiusi